22.2 C
New York
martedì, Luglio 5, 2022

Buy now

Caltanissetta: Montante, imprenditori e politici tutti a giudizio

CALTANISSETTA – Tutti rinviati a giudizio i tredici imputati del processo “Montante bis”. Lo ha deciso il giudice per l’udienza preliminare di Caltanissetta Emanuela Carrabotta. Il processo inizierà il prossimo 2 maggio.

Tutti i nomi degli imputati

Accolta la richiesta dei pubblici ministeri Claudia Pasciuti e Davide Spina. Finisce di nuovo sotto processo l’ex presidente degli industriali siciliani Antonello Montante. Assieme a lui ci sono l’imprenditore Rosario Amarù, l’ex commissario dell’Irsap Maria Grazia Brandara, l’imprenditore ed ex presidente di Sicindustria Giuseppe Catanzaro, l’ex governatore Rosario Crocetta, l’ex capo centro della Dia di Palermo Giuseppe D’Agata, l’ex capo della Dia Arturo De Felice, il capo della sicurezza di Montante Diego Di Simone Perricone, gli ex assessori regionali alle Attività produttive Maria Lo Bello e Linda Vancheri, il vice questore in servizio allo scalo di Fiumicino, Vincenzo Savastano, l’ex capo centro della Dia di Caltanissetta Gaetano Scillia, l’imprenditore Carmelo Turco.

Corruzione e governo ombra

Secondo i pm nisseni, attorno alla figura di Montante girava un vorticoso giro di corruzione. Erano gli anni in cui, in una sorta di governo ombra, l’ex simbolo dell’antimafia avrebbe manovrato l’allora presidente della Regione Crocetta, due assessori, burocrati e investigatori di alto profilo.

Le nomine di Mariella Lo Bello e Linda Vancheri sarebbero state pilotate da Montante affinché potessero condizionare le scelte del governatore siciliano e piegarle, secondo l’accusa, agli interessi suoi e dei suoi amici.

Crocetta si sarebbe messo a disposizione di Montante “asservendo agli interessi di quest’ultimo e dei soggetti a lui legati gli apparati dell’amministrazione regionale sottoposti, direttamente indirettamente ai suoi poteri di indirizzo vigilanza e coordinamento”.

“Fondi in nero a Crocetta”

In cambio Crocetta avrebbe ottenuto da Catanzaro, Amarù e Turco “fondi in nero” per finanziare la sua campagna elettorale del 2012 e l’intervento di Montante per “evitare la diffusione di un video a contenuto sessuale che ritraeva Crocetta”. “Chi ha il video lo pubblichi, sono disposto a pagare”, disse Crocetta a Livesicilia il giorno della chiusura delle indagini.

A sua volta Catanzaro avrebbe ottenuto favori e consigli per la sua società che si occupa di rifiuti. Ad esempio fu avvisato da Crocetta che “avrebbe dovuto dotarsi di un impianto di biostabilizzazione in assenza del quale non avrebbe più potuto autorizzare l’attività della discarica rassicurandolo comunque sulla possibilità di ovviare alla temporanea di indisponibilità della necessaria apparecchiatura mediante sistemi mobili”.

Per Montante inizia, dunque, un nuovo processo dopo quello che in primo grado si è concluso con un verdetto pesantissimo e che riguardava la rete di spionaggio attivata dall’ex potente dell’antimafia.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Recenti